Skip to content

Dal Vangelo secondo Marco (9,38-43.45.47-48)

In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi.
Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue».

 

E’ incredibile come il Vangelo riesca ad essere sempre attuale! Giovanni in questo brano sembra esprimere un concetto che ultimamente sentiamo ripetere spesso. Con il suo “abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva” sembra gridare: “non è dei nostri!”. Quante volte anche noi siamo tentati dal gridarlo…non è dei nostri chi non la pensa come noi, chi agisce in maniera differente, chi arriva da lontano ed ha un’altra cultura…non ci fermiamo a riflettere se chi non è dei nostri agisca o no nel nome di Gesù, ci basta sapere che è diverso per escluderlo. Gesù invece accoglie tutti, non fa distinzioni, non esclude. Gesù è sempre li, pronto ad accoglierci. Prepariamoci all’incontro con lui gettando via le mani che non aiutano gli altri per cercare di averle sempre capaci di sostenere chi non ce la fa, gettando via i piedi che non camminano sulla strada della Verità per possedere piedi che siano in grado di seguire il giusto sentiero, gettando via gli occhi che non sanno vedere i bisogni delle persone vicino a noi per averne di sensibili e attenti nei confronti degli altri.

Gesù, rinnovaci dalla testa ai piedi!

 

Simone

Condividi l'articolo

  • Delicious
  • Digg
  • Newsvine
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Twitter